Passaggio necessario dopo il fallimento. Ultimi appelli agli imprenditori “capaci e seri” perché si presentino a rilevare la storica azienda dolciaria entro il 17 settembre: servono 13 milioni e mezzo.

Non sono serviti gli scioperi, gli appelli sui social network, le mobilitazioni dei consumatori e i tentativi di trovare un cavaliere bianco. La vicenda della Melegatti, storica azienda del pandoro e del panettone del veronese, e soprattutto dei suoi lavoratori sembra scivolare di nuovo verso un destino segnato. In settimana i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl e Uil e i curatori fallimentari di Melegatti hanno firmato l’accordo per i licenziamenti di tutti i dipendenti dell’azienda dolciaria. Un passaggio che segue la dichiarazione di fallimento dello scorso 29 maggio.

Ora i lavoratori scrutano le caselle della posta in attesa della lettera di licenziamento; l’ultimo giorno di rapporto coinciderà con la data del 20 dicembre, quando scadrà anche la Cassa integrazione straordinaria. Sono coinvolti ad ora 11 dipendenti operativi nello stabilimento di San Giovanni Lupatoto (Verona), per dare corso all’esercizio provvisorio autorizzato per sei mesi (dal 21 giugno al 21 dicembre) dal Tribunale di Verona, mentre il resto del personale è coperto dalla Cassa integrazione straordinaria. Ma questa si esaurirà appunto il 20 dicembre: oltre quella data non sarà possibile accedere ad altri ammortizzatori sociali.

Alla firma dell’atto ufficiale i sindacati hanno sottolineano in una nota che “l’accordo è inevitabile e per tutti i dipendenti l’ultimo giorno di rapporto con Melegatti sarà il 20 dicembre”. Di fatto, si tratta di un passaggio perché formalmente un potenziale salvatore in extremis non abbia obblighi pregressi verso il personale. In effetti, hanno aggiunto i sindacati, la speranza è che si possa “presentare un’altra situazione qualora alla scadenza del secondo bando, ovvero il 17 settembre, si paventassero eventuali acquirenti che avrebbero l’opportunità di valutare il mantenimento totale o parziale delle posizioni lavorative”. Per questo Cgil, Cisl e Uil hanno rinnovato l’appello “ad imprenditori capaci e seri affinché prendano in considerazione l’acquisto di questa storica azienda dolciaria veronese”.

Proprio una settimana fa era stata organizzata una manifestazione da un gruppo di consiglieri comunali a sostegno dei dipendenti. In quella occasione, davanti al municipio di San Giovanni Lupatoto, il consigliere d’opposizione Massimo Giarola spiegava che “la seconda procedura di vendita ha fatto scendere a 13 milioni e mezzo di euro la base d’asta”. A rilanciare l’appello per l’azienda in queste ore è il senatore Udc Antonio De Poli: “Il ministro del lavoro e dello sviluppo economico Luigi Di Maio individui opportuni provvedimenti per salvaguardare l’occupazione e lo storico marchio. Lanciamo anche un appello affinchè possibili investitori si presentino alla scadenza del bando fissata il 17 settembre perché si possano mantenere le posizioni lavorative e considerare l’acquisto della storica azienda”.

Fonte: laRepubblica.it (qui)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.