“Finora – ha convenuto oggi il presidente della Bce – sfortunatamente le parole hanno creato dei danni”. Il monito non è, però, piaciuto al vice premier leghista che l’ha invitare ad “aiutare e consigliare l’Italia” anziché criticarla.

Durante la conferenza stampa di oggi, a Francoforte, al termine della riunione di politica monetaria, Draghi non ha risparmiato certo le critiche al governo gialloverde. E, in attesa di leggere la bozza della legge di bilancio e di vedere come si regoleranno di conseguenza gli investitori, ci ha tenuto a far notare che negli ultimi mesi “le parole sono cambiate diverse volte”. “Ora aspettiamo i fatti”. Il timore è che, visto il rialzo dello spread, le politiche del governo non siano sufficienti o che ci possa essere la necessità di ulteriori misure da parte dell’Eurotower per evitare forme di contagio nell’Eurozona. Ad oggi, però, Draghi si atterrà a quanto detto fin qui il premier Giuseppe Conte il ministro dell’Economia Giovanni Tria, e cioè che “l’Italia rispetterà le regole” imposte dall’Unione europea.

Le parole del numero uno dell’Eurotower hanno mandato su tutte le furie Salvini. Che in serata ha risposto seccato: “Conto che gli italiani in Europa facciano gli interessi dell’Italia come fanno tutti gli altri Paesi, aiutino e consiglino e non critichino e basta”.

Di seguito le dichiarazioni di Draghi, che attaccando frontalmente il Governo M5S-Lega, è sceso in campo, e molto probabilmente svolgerà altri ruoli di rilievo dopo il termine del mandato in qualità di Presidente della BCE.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.