Via libera unanime del Governo al provvedimento. Conte: “Obiettivo adeguarci a standard Ue”. Salvini: “Parecchi passi avanti su diritti a profughi veri”.

“In 42 articoli ci sono parecchi passi in avanti in tema di sicurezza e di diritti dei profughi veri”. A dirlo, presentando alla stampa il sul decreto sicurezza e immigrazione, è Matteo Salvini. Diversi i provvedimenti che hanno ottenuto il via libera “all’unanimità” nel consiglio dei Ministri. “I famosi 35 euro al giorno verranno rivisti in base a quella che è la media europea, con un netto taglio degli sprechi”, ha annunciato il vicepremier, sostenendo che “se riusciamo a mantenere la diminuzione degli sbarchi”, questo porterà a un risparmio di un miliardo ogni anno “che verrà reinvestito in sicurezza”. Inoltre i richiedenti asilo verrano espulsi “In caso di pericolosità sociale o in caso di condanna in primo grado”. Poi, entro fine legislatura, il Viminale promette di chudere “tutti i campi rom”.

“Abbiamo unificato in un unico decreto i due testi su immigrazione e sicurezza, anche in ragione della complementarietà della materia”, ha detto quindi il premier Giuseppe Conte, che ha parlato di una “riorganizzazione dell’intero sistema di riconoscimento della protezione internazionale per adeguarla agli standard europei “. “Avevamo una disallineamento rispetto agli altri Paesi della Ue”, ha spiegato il presidente del consiglio, “Siamo intervenuti per affrontare in modo più efficace l’emergenza terrorismo. In un quadro di assoluta garanzia dei diritti delle persone e delle carte internazionali a cui l’Italia aderisce noi operiamo un riordino per una più efficace disciplina”.

Sia Salvini che Conte hanno parlato dei presunti malumori al Quirinale. “Quando c’è un decreto legge, cortesia vuole che si annuncino prima i contenuti al Quirinale e si anticipi il testo, cosa fatta anche in questo caso”, ha spiegato il premier, “C’è stata già una interlocuzione al livello massimo, e anche di strutture tecniche. Non voglio tirare per la giacca il presidente della Repubblica dicendo che ha approvato e sottoscritto. Mattarella avrà tutto l’agio, quando riceverà il testo, per fare eventuali rilievi”. “Per rispetto, il dl Sicurezza sarà inviato al Quirinale un’ora dopo che sarà inviato il decreto Genova”, ha aggiunto Salvini.

In ogni caso, assicurano dal governo, non si tratta di un decreto “blindato”: “No, non è contro nessuno. Io sono sempre aperto a proposte migliorative”.

 

Fonte: ilgiornale.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.