Il leader di Forza Italia Berlusconi: “Dateci una data entro la quale porrete fine al patto di governo”

“Ci saranno tra poco elezioni regionali e cittadine e non so come potremo andare ancora a queste elezioni con una Lega che continua a ignorare il programma con cui si è presentata agli elettori e che tradisce gli stessi elettori, con un programma in contrasto con quello che abbiamo condiviso”. Lo ha detto Silvio Berlusconi a Milano. “Non oso fare previsioni sulla durata del governo ma ai nostri alleati della Lega, con cui governiamo bene molti territori voglio dire: ‘dateci una data entro la quale metterete fine a questa innaturale alleanza’”, ha aggiunto.

Fonte: huffingtonpost.it (qui)

Facce da funerale, occhio pesto alla Rocky Balboa al quindicesimo round e sguardo basso che neanche Donnarumma dopo un derby. La Caporetto in Trentino Alto Adige era ampiamente prevista da quel che resta di Forza Italia, ma ovviamente brucia lo stesso. «Se siamo bravi, ma tanto bravi, in primavera arriviamo al sette per cento», commenta qualche dirigente. Neppure il ritorno in prima linea di Berlusconi, diviso tra il Monza Calcio e la politica, è bastato a resuscitare il partito moribondo. E ora tocca provare a risvegliarlo dal coma e trascinarlo fino alle europee.

Probabilmente nelle liste non ci sarà il nome del Cavaliere, la cui candidatura dopo quest’ ultimo colpo dovrebbe essere archiviata. «Con questi numeri non ha senso correre», avrebbe detto ai suoi. Difficile dargli torto, anche se alla corte di Arcore il pressing continua.

Ciò che pesa è ovviamente il confronto con Matteo Salvini, che proprio nel duello per la Ue conta di stravincere. Il leader leghista punta alla presidenza della commissione (parola del ministro Lorenzo Fontana). Silvio dovrebbe accontentarsi di occupare uno dei due seggi che Fi conta di centrare nel Meridione. E se sono vere le percentuali che circolano – col partito praticamente cancellato nel Nord-Est, in difficoltà nel Nord-Ovest e vivo solo al centro-Sud – si rischia una figuraccia. L’ aspetto inquietante è che tanti forzisti sperano che finisca così: se Silvio va a sbattere – racconta qualche maligno – potrebbe diventare possibile compiere il “parricidio”, cambiare leadership e provare a diventare un movimento normale. Mettere da parte Berlusconi, però, non è un’ impresa di poco conto. E soprattutto è ancora da dimostrare che la sua creatura politica abbia qualche chance di sopravvivergli.

LA KERMESSE
In attesa del responso, il partito si esercita in una delle sue grandi tradizioni: dividersi. La dimostrazione plastica doveva arrivare questo fine settimana. A Ischia si sarebbero dovuti riunire gli “Stati Generali” azzurri, organizzati da Mara Carfagna e altri forzisti campani. Qui si dovevano trovare i vertici al completo, dalle coordinatrici nazionali in giù. Sabato Tajani. Domenica invece era previsto il momento del Cavaliere, in teoria. Già perché nelle più tragiche delle metafore del disastro azzurro tutta la kermesse è stata rinviata causa maltempo.

«Non potevamo – spiega il Coordinatore campano Domenico De Siano – mettere a rischio le migliaia di partecipanti che avevano già assicurato la presenza». C’ era il pericolo di far affondare il Cavaliere, meglio rinviare tutto.

I DISSIDENTI
Tifone o no, quel che è certo che Giovanni Toti non si sarebbe presentato sull’ isola al largo di Napoli neanche se l’ avessero trasportato lì sullo yacht di Abramovich.

Il governatore ligure aveva già disertato l’ ultimo grande raduno. E anche questo weekend aveva previsto di andare a Milano con Guido Crosetto per partecipare a “Italiavanti”, contro-manifestazione azzurra organizzata da Stefano Maullu. Una due giorni per discutere di ricette diametralmente opposte a quelle di Tajani. In sintesi: meno Europa, più Salvini. Il tutto nel solco del progetto lanciato ad Atreju da Giorgia Meloni: una lista che raccolga tutti i movimenti nati dalle costole di Forza Italia, quelli di Parisi, Musumeci e ovviamente dello stesso Toti.

Come sempre nella vita di Silvio, anche in questo passaggio ci saranno di mezzo delle toghe. In questo caso sono quelle della Corte costituzionale, la quale nelle prossime ore si pronuncerà sul ricorso presentato da Fdi contro lo sbarramento al 4% per le elezioni europee. Una soglia letale per Fratelli d’ Italia. Se la Consulta dovesse rimuoverla, l’ idea di Fdi di creare una lista unica diventerebbe molto più praticabile.

Dopo il voto, poi, si potrebbe convocare un congresso, delle primarie. In poche parole, formare un nuovo partito, per un nuovo centrodestra.

Fonte: liberoquotidiano.it (qui) Articolo di L. Mottola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...