Economia, Europa, Politica, Unione Europea, Verso le elezioni europee

La crisi che verrà, cambierà ancora lo scenario politico interno. E l’Europa franco-tedesca sarà sempre più forte.

Riprendo un articolo di Roberto Marchesi apparso sul sito de il Fatto quotidiano (qui) dal titolo “Questo ciclo economico è alla fine. Un’altra recessione è alle porte”. Ma anche altri annunciavano la recessione nel 2019. Nella speranza che la recessione resti tecnica e non si traduca in una nuova crisi economica, segno della chiusura del ciclo economico di crescita. Dimenticavo un crisi ora ci colpirebbe in modo drammatico non essendo come sistema paese riusciti a ritornare alla situazione pre-crisi 2008. Un dato è incontrovertibile, la recessione tecnica conseguenza di diversi fattori, tra i quali l’insufficienza delle politiche della precedente legislatura e del Governo Gentiloni troppo appiattite sui modelli imposti di austerità, consente, nostro malgrado di verificare se le misure messe in campo dal Governo del cambiamento sono state adeguate e sufficienti o dovranno essere implementate sforando quel limite anacronistico del 3% imposto da Bruxelless. D’ora in poi verificheremo cosa il Governo Conte sarà in grado di fare per affrontare la recessione e capire quali correttivi saranno adottati alla politica economica gialloverde. Spero sicuramente in una manovra correttiva, ma non di aumento delle imposte, semmai di espansione, a deficit, della spesa produttiva e degli investimenti necessari per stimolare l’economia in recessione. Un anno bellissimo lo ha definito il Presidente Conte, lui è consapevole che saremo pronti a osannarli se ci salveremo, ma anche pronti a spazzarli via se falliranno. E’ indubbio che le crisi economiche hanno già fatto vittime illustri. Nel 2008 la grande crisi ed il governo Berlusconi in carica proprio dal 2008 è finito con Governo in vitro guidato da Monti. Siamo nel 2019 e la recessione tecnica, rischia di diventare una seconda crisi che metterà a dura prova i debiti sovrani. Ma Draghi non interverrà prontamete. Attenderà che la crisi si evidenzierà in modo chiaro prima di proporre un nuovo QE alle cui condizioni gli Stati non metteranno ostacoli. Altra cessione di sovranità, in cambio di una ombrello protettivo. Uno scenario che speriamo sia scongiurabile. L’Europa delle banche sarà pronta ad approfittarne e vorrà la rivincita sui populismi. Arriverà la proposta di Debito pubblico europeo (di figli e figliastri ovviamente). E l’accordo di Aquisgrana tra Francia e Germania recentemente siglato sarà messo in atto. Saranno loro a governare il debito pubblico dell’area euro. Saranno loro a pretendere un”Unione europea a due velocità. Un’Europa che illusoriamente si presenterà con due facce, ma il risultato non sarà altro che quello che è già prestabilito, un ulteriore passo verso l’integrazione europea a guida franco-tedesca, dove la parte tedesca continuerà a guidare le politiche europee e la parte mediterranea continuerà a restare su quel piano inclinato quanto basta per non scivolare nell’abisso. Un colonialismo interno vestito da cooperazione solidaristica. Ma il punto è il seguente: la nostra attuale classe politica si accoderà o farà saltare il tavolo?

Quando si parla di borsa e mercati, parlare di “fine di un ciclo” significa innanzitutto dire che una burrasca per i risparmiatorista arrivando. In questa occasione non si tratterà di una semplice “correzione” (riaggiustamento dei valori, nda) ma sarà certamente una fase recessiva probabilmente lunga e pesante, visto che, oltre ai fenomeni soliti (di seguito descritti), questa avrà caratteristiche globali molto più ampie e contemporanee. Sarà perciò impossibile, nello spazio breve di questo articolo, descrivere compiutamente l’intero intreccio di tutti questi fenomeni, e le responsabilità di chi li governa, ma colgo l’occasione di un chiarissimo articolo pubblicato questo mese dalla popolare rivista americana Fortune, sotto il titolo: “The end is near for the economic boom” (La fine è vicina per il boom economico), per suonare anche qui le sirene, perché quando una crisi arriva negli Usa diventa sempre globale.

Vediamo dunque quali sono questi indicatori economici che fanno scattare l’allarme.

Il primo è il Treasury yield curve (vedi grafico sotto), quello che segna la differenza tra il rendimento delle obbligazioni di medio-lungo periodo da quelle a breve scadenza. E’ un classico: quando questo indicatore arriva all’inversione, cioè quando i bond di breve periodo danno rendimento maggiore di quelli a lunga scadenza, significa che il mercato è arrivato al punto di “correzione” ovvero: l’ottimismo deve essere sostituito dalla prudenza.

L’altro sicuro indicatore che preannuncia l’inversione di tendenza, e l’imminente entrata in recessione, è quello della disoccupazione.

Davvero curioso questo indicatore, perché è come guardarsi allo specchio, ti vedi al contrario di come sei in realtà e di come ti vedono tutti gli altri. Quando esso segnala il massimo del bel tempo significa che è in arrivo la tempesta! E’ davvero strano, ma finora non ha mai fallito!

L’anomalia sta (forse) nel fatto che, essendo un indicatore molto seguito anche a livello popolare, il bassissimo livello dei disoccupati consente all’indice della “confidenza”, cioè il gradimento popolare, di volare alto anche se in realtà, proprio sul piano economico, segnala “brutto tempo in arrivo” a causa dello squilibrio che si viene a creare per l’eccessivo ottimismo.

Un indicatore che invece tutti capiscono è quello dell’indebitamento, sia pubblico che privato che sta salendo senza freni e senza alcun serio motivo. Geoff Colvin, l’autore dell’articolo di Fortune citato sopra, attribuisce questa imprudenza all’eccesso di confidenza, ma sulla crescita della spesa pubblica la responsabilità (anzi, l’irresponsabilità) non può essere d’altri che di Trump, che evidentemente cura altri interessi invece che quelli della nazione.

Ma anche l’indebitamento privato è arrivato ad un livello preoccupante, e non otterrà grandi benefici dalla “flat tax” di Trump, dato che non ce n’era bisogno. Infatti le imprese, mediamente, si sono indebitate senza che ve ne fosse reale bisogno dato che il loro boom economico dura da decenni avendo attraversato senza gravi danni tutte le recessioni incontrate. “Bonanza” è cominciata per loro da Reagan in poi e dal 1997 (anno della completa liberalizzazione delle banche) la media annuale degli utili (fino al 2017) è stata del 7,2% (indice S&P).

Non sapendo come investire proficuamente quella “manna” dal cielo optano in gran parte sul “buy-back”, cioè l’acquisto di azioni proprie che, pur dando maggiore solidità finanziaria all’impresa (spesso non necessaria), non trova poi fattivo utilizzo imprenditoriale. Sono come la medicina data a chi non ne ha bisogno. Finirà col far male invece che bene.

Infatti, con una disoccupazione così bassa questa orgia di utili inutili produrrà solo inflazione, che la Banca Centrale (la Fed) sarà disarmata a quel punto a contrastare, perché Trump sta già usando dissennatamente tutti gli strumenti di politica economica al solo scopo di produrre (per se stesso) “armi di distrazione di massa” senza benefici reali per l’economia e per la gente, che anzi viene sempre più mortificata dalle sue scelte strampalate.

Persino Bernanke, l’ex presidente Fed repubblicano che si è trovato nel 2008 proprio nel vortice della prima “Grande Recessione” della storia economica, e ha trovato nella sperimentazione su larga scala del Quantitative Easing la via per accompagnare coerentemente il presidente Obama fuori dalla crisi, ha avuto parole di forte critica per Trump: “Questi stimoli all’economia arrivano nel momento sbagliato, Wile E. Coyote is going to go off the cliff” (mentre Willy Coyote vola giù dal precipizio).

Ci sarebbe ancora molto da dire ancora sulle politiche di Trump: la guerra dei dazil’autarchial’arroganza politica con cui vuole trattare nemici e alleati allo stesso modo, ecc. ecc. ma qui non ho più spazio. Questo ciclo economico va ad esaurirsi proprio nel momento peggiore. Ci sono già tutti i segnali della depressione in arrivo (ma non aspettatevi, avverte Geoff Colvin, che siano gli economisti a suonare la sirena, “loro non lo fanno mai!”), tuttavia, inspiegabilmente, la cosa non sembra interessare l’amministrazione Trump.

Tra pochi giorni (il 15 settembre) saranno dieci anni esatti dal grande crollo in Borsa del 2008 che ha accompagnato il fallimento di Lehman Brothers. Speriamo che la storia non si ripeta.

Politica, Verso le elezioni europee

La sfida della Lega al Ppe. Fontana(Lega): “Uniremo Conservatori e Sovranisti”.

Il piano per le europee, per i leghisti l’alleanza con Marine Le Pen non si tocca: “Non entreremo mai nel gruppo dei Conservatori e riformisti”.

“Non entreremo mai nel gruppo dei Conservatori e riformisti. Piuttosto, dopo il voto di maggio, puntiamo a unire questo gruppo con quello sovranista, dove ci siamo noi della Lega, ci sono gli eletti del Front National e tanti altri”. Parola di Lorenzo Fontana, ministro leghista alla famiglia e disabilità, ex eurodeputato del Carroccio. Conversando con Huffpost, Fontana chiarisce così quali sono i piani di Matteo Salvini in vista dell’importante appuntamento con le europee di maggio 2019: l’alleanza con Marine Le Pen non si tocca.

Il ragionamento di Fontana smonta i desiderata di Forza Italia, almeno per ora. La parte italiana del Ppe infatti sta lavorando affinché anche gli eletti della Lega a Strasburgo entrino nei Conservatori e Riformisti (Ecr), gruppo che a gennaio 2017 – insieme ai Liberali – ha sostenuto la corsa di Antonio Tajani alla presidenza del Parlamento Europeo. Al prossimo giro l’Ecr rischia. Attualmente conta 73 deputati, ma nel 2019 perderà la sua rappresentanza più folta: i britannici, che non si ripresenteranno alle europee causa Brexit. Con chi rimpiazzarli?

Giorgia Meloni ha già deciso: i suoi eletti entreranno nell’Ecr, ma – sondaggi alla mano – è poca roba. Inoltre, con lo sbarramento al 4 per cento previsto per le europee, i partiti piccoli come Fratelli d’Italia rischiano di non entrare a Strasburgo. Il bottino invece sta dalle parti della Lega: se gli eletti di Salvini entrassero nell’Ecr, il Ppe farebbe bingo. Soprattutto gli italiani, determinati a riconfermare Tajani alla presidenza dell’Europarlamento. Ma Salvini non ci sta. Se per Forza Italia l’ingresso di Meloni nell’Ecr è buon auspicio per aprire la porta anche ai leghisti, per il vicepremier del Carroccio invece l’arrivo di Giorgia tra i Conservatori prepara solo il terreno per un futura fusione con i sovranisti. Del resto, è stato lui – qualche settimana fa – a lanciare Meloni come candidata sindaco a Roma, se Virginia Raggi fosse inciampata nei guai giudiziari. Così non è stato, ma l’interesse politico resta.

La Lega punta a unire i Conservatori (o quel che rimane dopo l’uscita dei britannici) con l’Enf, l’attuale gruppo dei leghisti, degli eletti del Front National e altri. Ce lo spiega Fontana, mente del nuovo volto sovranista della Lega, ideatore con Matteo Salvini della svolta che 5 anni fa ha riportato in auge un partito finito. Sostanzialmente si tenta di fare massa comune. Un ultimo sondaggio assegna il 7,7 per cento all’Ecr e l’8,9 per cento all’Enf: è quasi il 15 per cento, non tantissimo ma quanto basta per condizionare il Ppe, ancora primo partito nelle rilevazioni ma in calo dal 32 al 25,4 per cento.

Di certo, i Popolari avranno bisogno di una mano per formare una maggioranza a Strasburgo. Ed escluderanno le ricerche a sinistra, tra i socialisti (anche loro al minimo storico, al 19 per cento), come ha deciso il congresso di Helsinki che la scorsa settimana ha eletto Manfred Weber spitztenkandidat del Ppe per il dopo Juncker alla presidenza della Commissione. Guarderanno invece a destra, con l’auspicio di tenere testa ai nazionalisti ed epurarli dalle frange più dure, tipo Le Pen o tipo Salvini. Per il leader della Lega però Forza Italia sta cercando di farsi garante presso i Popolari stranieri, usando l’argomento che i tanti eurodeputati della Lega saranno necessari per la maggioranza in Parlamento, utile all’elezione del presidente (Tajani) ma anche per l’ok finale di Strasburgo alla nuova Commissione Ue decisa dai capi di Stato e governo.

Salvini si ritrae e non si stacca da Le Pen. Del resto, in questi giorni sta prendendo le distanze anche da Silvio Berlusconi che, sull’onda della manifestazione pro-Tav di Torino, affonda contro l’asse di governo della Lega insieme al M5s parlando di rischio “dittature”. Il Carroccio punta le sue fiches sui sovranisti per sfidare al voto delle europee sia i Popolari che gli alleati pentastellati. I quali non hanno ancora una ‘casa’ europea dove approdare l’anno prossimo. Quella attuale, il variegato gruppo dell’Efdd, potrebbe non esistere più. E non è escluso che una parte confluisca con i sovranisti, a ingrossare le ambizioni di Salvini.

Fonte: huffingtonpost.it (qui)